Psicologo Psicoterapeuta - Tel.331.1157980

Ricevo a Bologna su appuntamento: Via della Barca n. 19/5 (Quartiere Reno). Accesso motorizzato da Via Sabatini fronte civico 5

Ricevo a Modena su appuntamento: Via Pietro Giardini, 605 (di fianco a Naturasì)

psicologo psicoterapeuta bologna

Per informazioni:

informativa privacy (D.LGS.196/2003)
LA CURA PSICOANALITICA

La via della medicina è quella di tendere ad una ritrovata normalità dominando la malattia con la terapia e ha senso nella misura in cui la medicina opera su un organismo ipoteticamente separato dalla soggettività, sottoposto quindi alle leggi del determinismo fisico e biologico. Nelle nuove forme sintomatiche e nella varietà di disturbi in cui il disagio mentale si esprime nell'epoca contemporanea questa via avrebbe senso solo annullando qualsiasi idea di soggetto.
La psicoanalisi contemporanea fa posto a una decisione soggettiva che chiama in causa il problema della libertà. Non c'è intervento, procedura, espediente, trucco, meccanismo, ipnosi o terapia di qualsiasi genere che noi possiamo applicare al soggetto senza che questi abbia fatto nascere in sè un consenso alla guarigione.
E' il motivo per cui nella psicoanalisi si insiste sempre sulla domanda, o almeno su quel che gli anglossassoni chiamano compliance , adesione: sà infatti di non poter intervenire su qualcuno contrario che venga portato nel mio studio, trascinato per un orecchio dalla famiglia o inviato autoritariamente da qualche istituzione.
La psicoanalisi non cura con le tecniche del discorso del padrone, anzi, ne è il rovescio e segue la via più difficile: non quella che porta indietro, dove il sintomo sia cancellato e il controllo ristabilito. Piuttosto essa porta a sviluppare, a svolgere la verità fatta affiorare dal sintomo, non a richiuderla.
Solo dopo un percorso di verità, attraverso il tracciato delle conseguenze provenienti dalla nevrosi, quel che si era presentato come sintomo e come sofferenza viene, non eliminato, ma aggiunto come possibilità soggettiva nel momento in cui, non essendo più in posizione conflittuale, non è neppure più fonte di sofferenza. L'esperienza psicoanalitica non si esaurisce in una traversata dell'inconscio e non consiste solo nel reperimento delle tracce di un passato che condiziona la vita attuale. Questa è solo una premessa per condurre il paziente alla possibilità di riformulare una decisione per condurlo alla soglia di un nuovo inizio. Accanto alla dimensione clinica il punto di fondo dell'esperienza psicoanalitica tocca le corde di un'esperienza etica.
La verità, la lealtà, ma soprattutto il coraggio che è il punto di fermezza del desiderio quando l'esistenza sembra dissolversi nell'angoscia. Il problema infatti non è annullare l'angoscia ma economizzarla, riconoscerne il volto nascosto di godimento, sottrarla a quella che Lacan chiamava la codardia nevrotica, quella che fa indietreggiare e restituirla, l'angoscia, alla dinamica dell'atto, alla spinta in avanti.
In questo senso la psicoanalisi fa scoprire il rovescio del Don Abbondio che abita in ciascuno di noi, perchè non è vero che " il coraggio uno no selo può dare" !



Il dott. Messieri offre la possibilità di percorsi di supporto psicologico e percorsi psicologici di psicoterapia psicoanalitica a costi accessibili.

Uno dei principi etici su cui si fonda il suo lavoro è rendere il costo della psicoterapia accessibile a tutti. Per questo motivo il costo delle sedute viene concordato in sede di colloquio tenendo conto delle possibilità di ciascuno.