Psicologo Psicoterapeuta - Tel.331.1157980

Ricevo a Bologna su appuntamento: Via della Barca n. 19/5 (Quartiere Reno). Accesso motorizzato da Via Sabatini fronte civico 5

Ricevo a Modena su appuntamento: Via Pietro Giardini, 605 (di fianco a Naturasì)

adolescenza

Per informazioni:

informativa privacy (D.LGS.196/2003)
In letteratura l'adolescenza è variamente periodizzata, con un ingresso minimo corrispondente alla pubertà, intorno agli undici anni, e un'uscita massima corrispondente alla fine dell'ossificazione della clavicola, intorno ai venticinque anni oppure alla raggiunta indipendenza economica accompagnata dalla definitiva uscita dal nucleo famigliare, un evento, questo, che ai nostri giorni accade sempre più tardi ampliando notevolmente il mondo dei soggetti adolescenti.
Le incertezze nel definire l'adolescenza rendono in primo luogo conto di alcuni caratteri dell'adolescenza stessa, riflettendo sì la difficoltà per le discipline, mediche, psicologiche e sociali, che se ne occupano, ad afferrare un tempo della vita che, più degli altri, è caratterizzato dal passaggio, ma ancor prima essendo buon indice delle difficoltà crescenti dei giovani nell'attraversare questo transito, in un momento in cui il futuro è una parola difficile.
In secondo luogo una breve considerazione circa la periodizzazione dell'adolescenza ne mostra la trasversalità a differenti ambiti sociali, mettendo in luce il delicato intreccio di nuovi accadimenti che riguardano la famiglia, la Scuola, l'ingresso nel lavoro, e che si svolgono in un soggetto per il quale la trasformazione riguarda perfino il suo stesso corpo. Ne consegue un'ampia rilevanza sociale delle questioni legate all'adolescenza e, per il Dott. Messieri , un'importante indicazione circa l'impostazione del lavoro con i giovani. Lavorare con gli adolescenti significa procedere su due fronti: da un lato con gli adulti che li circondano - innanzitutto la famiglia (genitori) e gli insegnanti - dall'altro con gli adolescenti stessi (figli).
In conclusione, il modo migliore di accostarsi all'adolescenza è attraverso la questione del tempo, per scoprire che il tempo dell'adolescente non è mai quello giusto. Solo nel migliore dei casi il tempo è in anticipo sul soggetto e le trasformazioni arrivano al momento giusto. Se l'adolescente ritarda, la sua natura problematica finisce per gravare indefinitamente sulla famiglia, sul mondo del lavoro e, fin dove essa arriva, sulla Scuola. Se invece anticipa i tempi l'urto può essere molto duro.

Adolescenza e nuovi sintomi
Se il cambiamento è di per sè proficuo per la manifestazione dei sintomi del disagio psichico, la sintomatologia adolescenziale, accanto ai disturbi più classici, o alla problematicità dell'esordio psicotico, presenta una particolare coloritura. Dopo le dilaganti dipendenze, e dietro all'ondata epidemiologica di anoressia-bulimia o agli attacchi di panico, già appaiono il cutting e burning (un autolesionismo praticato mediante oggetti da taglio o incandescenti, statisticamente allarmante negli Stati Uniti) o il fenomeno di provenienza giapponese ma crescente anche in Europa degli hikikomori (una forma di depressione caratteristica di adolescenti che si autorecludono, sospendendo ogni rapporto esterno alle mura domestiche, dedicandosi unicamente a videogiochi, televisione o internet). Qui come nel caso delle dipendenze da sostanze si vede bene come i nuovi sintomi siano promossi da un discorso sociale che incentiva il consumo solitario del gadget intendendo con questo termine droghe, oggetti di consumo, o un corpo ridotto a oggetto di consumo, mentre il rapporto con gli altri resta relegato in secondo piano.
Il carattere dell'adolescenza è insomma tale da farne un'età fortemente esposta ai nuovi sintomi.

COSA FARE CON I FIGLI OGGI ?


Mi sono soffermato parecchio sull'analisi del rapporto genitori e figli al giorno d'oggi. Ma adesso è arrivato il momento di... Leggi subito

TRE OSSERVAZIONI IN AIUTO DI UN GENITORE


Non è mia intenzione fare un manuale di buoni comportamenti per un genitore perchè non esiste la ricetta giusta e nessuna prescrizione... Leggi subito

L'ENIGMA DI UN GENITORE


E' naturale per un figlio non riconoscere che la sua identità passa necessariamente dal rapporto di dipendenza in quanto rapporto... Leggi subito

LE ANGOSCE DEI GENITORI OGGI


Un dato è certo: le angosce dei genitori oggi sono molto diverse da quelle dei genitori di trent'anni fa, o per esempio della generazione... Leggi subito

COME SI ALIMENTA IL DESIDERIO DI UN GIOVANE?


Un soggetto evita i comportamenti a rischio, non precipita nella droga, non si infila nel tunnel dell'anoressia, non vive in balia... Leggi subito

L'ESAME DI MATURITA'


Il passaggio dalla posizione di figlio-studente a quella di inizio delle scelte che faranno il nostro destino è sancito dall'esame... Leggi subito

ADOLESCENZA, GENITORI E FIGLI : NON E' PIU' COME PRIMA.


Psicologo Bologna. Il dott. Messieri riceve nel suo studio per problematiche nel rapporto genitori e figli. Freud dava ai genitori... Leggi subito

GENITORI E FIGLI : IL MESTIERE IMPOSSIBILE DEL GENITORE


Come è possibile oggi preservare la funzione educativa propria del legame familiare di fronte ad una crisi sempre più radicale e... Leggi subito

I COMPITI DELLA FUNZIONE PATERNA


L'assenza di conflittualità come fattore imprescindibile della formazione è uno dei sintomi maggiori del legame familiare e del legame... Leggi subito

ELOGIO DEL FALLIMENTO


Cosa significa tessere un elogio del fallimento? Il fallimento non è solo insuccesso, sbandamento, sconfitta. E' sì tutto questo,... Leggi subito

LA FUNZIONE MATERNA E IL SUO LATO SINTOMATICO


Nel testo "Due note sul bambino" Lacan definisce così la funzione materna : "le sue cure portano l'impianto di un interesse particolarizzato,... Leggi subito

ADOLESCENZA, GENITORI E FIGLI : DESIDERIO NON PEDAGOGIA.


Oggi il genitore non è impegnato ad amare disinteressatamente i propri figli. L'amore dei genitori verso i figli se implica l'angoscia... Leggi subito

Il dott. Messieri offre la possibilità di percorsi di supporto psicologico e percorsi psicologici di psicoterapia psicoanalitica a costi accessibili.

Uno dei principi etici su cui si fonda il suo lavoro è rendere il costo della psicoterapia accessibile a tutti. Per questo motivo il costo delle sedute viene concordato in sede di colloquio tenendo conto delle possibilità di ciascuno.