Psicologo Psicoterapeuta - Tel.331.1157980

Ricevo a Bologna su appuntamento: Via della Barca n. 19/5 (Quartiere Reno). Accesso motorizzato da Via Sabatini fronte civico 5

Ricevo a Modena su appuntamento: Viale Muratori n.225 presso Studio di psicoterapia Chiossi - Vecchi

psicologo psicoterapeuta bologna

Per informazioni:

informativa privacy (D.LGS.196/2003)
PERCHE’ LO PSICOLOGO GRATIS NON FUNZIONA.

Un colloquio psicologico così come una seduta di psicoterapia o psicoanalisi, sono soggetti a pagamento al pari di qualsiasi altra prestazione professionale.
In una società dove ogni attività lavorativa produce un valore misurato in termini di danaro, siamo proprio sicuri che la motivazione alla base del pagamento di un colloquio con uno psicologo sia legata solo a fattori di ordine economico?
Non sono implicate forse anche delle questioni ad un livello più profondo ?
Il danaro ha anche una valenza simbolica, ad esso sono associati dei significati che vanno oltre il suo potere di acquisto.
Dunque la sua circolazione nella relazione terapeuta-paziente ha un’incidenza anche ad un livello inconscio che, se riconosciuta, contribuisce ad indirizzare in modo corretto il trattamento.
Innanzitutto il fatto di pagare una somma in danaro da parte di chi si rivolge allo psicologo è un modo di impostare bene il lavoro che seguirà. Mi spiego meglio.
E’ chiaro infatti che chi domanda è proprio colui che sta chiedendo aiuto. La gratuità potrebbe portare su questo punto ad un pericoloso ribaltamento della domanda, perché metterebbe il terapeuta nella condizione di chiedere al soggetto se vuole essere aiutato, costringendolo a darsi da fare per attivare in lui una motivazione in tal senso.
La terapia risulterebbe così inficiata fin dall’inizio, perché avremmo un paziente passivo, ingabbiato nell’aspettativa distorta che tutto il lavoro debba venire dall’altro.
Al contrario un cambiamento può avvenire solo se c’è una vera disponibilità a farsi aiutare. Inoltre il pagamento delle sedute comporta una loro valorizzazione, il riconoscimento che il percorso intrapreso è prezioso.
Come tutto ciò che davvero conta comporta un investimento, una quota di perdita, di fatica. Se fosse gratis o troppo a buon mercato rischierebbe di essere dato per scontato, ed inconsciamente squalificato.
La professionalità e l’aiuto specialistico del terapeuta sarebbero ridotti al rango di chiacchierate amichevoli, svuotandosi così di senso.
E qui vengo al terzo punto, collegato direttamente ai primi due precedentemente toccati.
Il danaro , oltre a segnare simbolicamente una perdita di una quota di godimento personale in virtù di un investimento in una cosa davvero di valore, segna anche una differenza fra le parti, svincolando il rapporto dall’equivoco di un’amicizia gratuita.
Se si paga per essere ascoltati significa che quell’ascolto è privato dal rispecchiamento reciproco che caratterizza le relazioni tra pari e mai del tutto libere da condizionamenti e tabù.
Ciò non significa che non intervengano in rapporto allo psicoterapeuta dei fattori di natura affettiva, anzi sarebbe un problema se tale rapporto, denominato “transfert” non esistesse. Ma esso non ha a che vedere con la persona che lui, lo psicoterapeuta, è nella vita, perché non c’è reciprocità. Lo psicoterapeuta non racconta nulla di sé stesso, è lì in quel momento come strumento a disposizione dell’altro.
Può essere oggetto di sentimenti positivi o negativi a seconda di cosa il paziente proietta in lui, ed anche questo fenomeno può essere utilizzato come uno strumento conoscitivo importante.
In ogni caso il pagamento a fine seduta aiuta a non fare confusione e rende evidente al paziente la sua libertà. A questo punto risulta più chiaro la formula per cui che lo psicologo gratis non funziona, cioè non ha alcuna efficacia psicoterapeutica per chi vuole davvero inoltrarsi in un processo di cambiamento e di messa in discussione autentica di sé stesso/a.
Non giova neppure alla categoria professionale degli specialisti in psicoterapia, nella misura in cui svilisce la loro lunga, accurata e difficile formazione, ben lontana dall’esercizio di una semplice empatia.


Il dott. Messieri offre la possibilità di percorsi di supporto psicologico e percorsi psicologici di psicoterapia psicoanalitica a costi accessibili.

Uno dei principi etici su cui si fonda il suo lavoro è rendere il costo della psicoterapia accessibile a tutti. Per questo motivo il costo delle sedute viene concordato in sede di colloquio tenendo conto delle possibilità di ciascuno.